Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Martedì, 17 Ottobre 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


06/02/2015

DAL COMUNE, AIUTI CONCRETI PER CHI NON RIESCE A PAGARE L'AFFITTO

Un aiuto concreto per pagare l'affitto se si sta attraversoando un periodo di difficoltà che ha portato a una riduzione del proprio reddito. È quanto ha deciso la Giunta Lorusso attraverso l'istituzione di un nuovo fondo, realizzato grazie a trasferimenti statali, a sostegno dei cittadini in affitto (mercato privato) che non riescono a regolarizzare il pagamento del canone.


Il bando è stato pubblicato nei giorni scorsi e i cittadini hanno la possibilità di presentare la documentazione necessaria a ottenere l'aiuto che mira a far fronte alla cosidetta morosità incolpevole, ovvero l'impossibilità di pagare l'affitto in seguito alla perdita o riduzione del reddito del nucleo familiare.

"La casa è un diritto inalienabile delle persone - spiegano il sindaco Stefania Lorusso e Marinella Mastrosanti, assesore alla Politiche abitative - e la nostra Amministrazione è sempre stata molto attenta al tema, infatti in questi anni gli interventi a favore del disagio e delle emergenze abitative sono stati numerosi e diversi: contributi per l'apertura di nuovi contratti sul libero mercato, contributi di solidarietà per chi abita nelle case Erp comunali, recupero di alloggi Aler in stato di fatto, fino ad arrivare alla ristrutturazione delle case di via Turati finalmente avviata. Ora possiamo offrire anche questa nuova possibilità che darà un po' di ossigeno in un periodo difficile, soprattutto a quei cittadini che hanno basso reddito. Questa opportunità, inoltre, potrà aiutare anche quei proprietari di case che hanno necessità dell'entrata rappresentata dall'affitto".

La priorità nell'assegnazione dei fondi verrà data agli inquilini con sfratto esecutivo per morosità incolpevole, che sottoscrivano con il proprietario dell'alloggio un nuovo contratto a canone concordato; agli inquilini che non sono in condizione di versare il deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione; agli inquilini che dimostrino la disponibilità del proprietario a consentire una proroga dello sfratto.

L'importo del contributo, definito proporzionalmente in base a richieste e necessità, potrà arrivare fino a 8mila euro ma non potrà superare l'importo del canone annuo d'affitto.

Per informazioni è possibile chiedere appuntamento presso l'ufficio Erp e Solidarietà Sociale telefono, 02/35005.392 / 267 ; email,
casa@comune.bollate.mi.it


I requisiti per l'accesso al contributo, stabiliti dal Ministero e recepiti da Regione Lombardia con specifiche Linee Guida (delibera regionale 2648/2014), sono disponibili sul sito del Comune.



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto