Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Mercoledì, 13 Dicembre 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


23/01/2015

ARRIVA IN REGIONE LA POSIZIONE (CONTRARIA) DELLA GIUNTA ALLE VASCHE DI SENAGO

Vasche di laminazione di Senago? L’Amministrazione comunale porta in Regione, dopo averlo approvato in Giunta, il parere contrario di Bollate alla realizzazione, motivandolo con “le gravi carenze progettuali dell’opera”. 
L'incontro si terrà martedì 27 gennaio.


Dopo aver chiesto ripetutamente di essere ascoltato come parte in causa, il sindaco di Bollate Stefanmia Lorusso ha ottenuto, di poter esprimere il parere dell’Amministrazione comunale nella “seconda seduta della Conferenza di Servizi Istruttoria convocata da Regione Lombardia per il martedì 27 gennaio”. Qui, si ribadiranno le criticità ambientali più volte espresse sull’opera che, per la vicinanza, si ripercuotono inevitabilmente su Bollate (si ricorda che le vasche si trovano immediatamente a ridosso del confine tra Senago e Bollate).
 
Ecco le principali cirticità segnalate dal Comune nella seduta regionale:
  1. La realizzazione delle vasche di laminazione è prevista sopra a una particolare struttura geologica, l’antico “Terrazzo delle Groane”, che rappresenta il contatto con gli ultimi lembi di più antichi dossi glaciali. Prima di realizzare le vasche in questa zona sono necessari ulteriori e più puntuali approfondimenti.
  2. Non ci sono informazioni sufficienti per escludere la separazione delleacque delle falde più superficiali da quelle più profonde che, si ricorda,vengono utilizzate per scopi potabili. La questione va approfondita.
  3. Esistono numerose criticità nella gestione delle acque contenute nelle vasche,in particolare in quella più profonda che interagisce con le acque di falda. Andrebbero previste distanze di sicurezza che non sono state prese in considerazione.
  4. Criticità anche sulla gestione del deposito, sul fondo delle vasche, dei sedimenti provenienti dalle acque del fiume Sevevo. Per questi si prevede l’asportazione al raggiungimento di uno spessore di 30 centimetri, in termini di tempo dopo una decina d’anni. È necessario fare approfondimenti sulle polveri aeree che possono essere prodotte e disperse in aria da questi depositi.
“Il Comune di Bollate, ritiene insomma – spiegano il sindaco Stefania Lorusso e l’assessore al’Ambiente Piergiorgio Valentini - che, allo stato attuale, il sacrificio ambientale dovuto alla realizzazione delle vasche di Senago sia superiore al beneficio che deriva dalla realizzazione dell’opera. A tale scopo abbiamo espresso il nostro parere contrario alla sua realizzazione”.
 
 



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto