Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Sabato, 27 Maggio 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


13/02/2014

BOLLATE, RITORNA L'ECOVIGILE PER EVITARE L'ABBANDONO DEI RIFIUTI IN CITTÀ

comunicato stampa

Riparte a pieno regime da lunedì 17 febbraio il servizio dell’ECOvigile in città. Dopo un riduzione del servizio del periodo invernale, ricominciano i controlli sistematici dei sacchi della raccolta differenziata sul territorio finalizzati a ottenere una corretta differenzazione e riduzione dei rifiuti.


Troppo spesso i cittadini differenziano in modo sbagliato perché non memorizzano le regole corrette della divisione dei rifiuti – ha detto l’assessore all’Ambiente Piergiorgio Valentini. Questo è un male perché il valore di recupero dei rifiuti mal differenziati è più basso. Bastano semplici accorgimenti e, talvolta, un po’ più di attenzione per differenziare meglio e contribuire a ridurre la produzione di rifiuti. Ma spesso ci sono anche le cattive abitudini di chi abbandona i rifiuti ovunque, che con questo servizio cerchiamo di eliminare”.


A Bollate, l'ECOvigile è diventata una figura organica a partire dallo scorso anno. Lo dimostrano anche i dati dell’attività 2013 forniti dalla Polizia locale che evidenziamo come, in totale, l’attività dello scorso anno, abbia portato a 46 controlli settimanali in collaborazione con le squadre di Gaia Servizi e l'effettuazione di 82 accertamenti di violazione e rispettive multe, contro i 50 del 2012.


La maggior parte delle multe riguarda proprio i rifiuti abbandonati per strada e nei cestini pubblici. Aprendo i sacchetti i vigili e gli operatori di Gaia cercano riferimenti che riportino all’autore dell’abbandono. “Un problema di rispetto delle regole che, talvolta, si fa ancora fatica a far passare. Per questo il lavoro dell’Ecovigile è prezioso e utile a far recuperare ai cittadini il senso del dovere che spesso si dimentica”.


Sempre a questo scopo, e per comprendere meglio i motivi dell’abbandono, l’Amministrazione comunale sta avviando un progetto con la scuola di via Brianza, da estendere successivamente agli altri istituti, che attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie aiuterà a capire le criticità della raccolta differenziata. “Non vogliamo solo punire ma anche intervenire per capire il problema e far maturare una coscienza sostenibile nei giovani – conclude Valentini”.

 

 

 

comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto