Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Martedì, 21 Novembre 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


19/03/2013

STALLO RHO-MONZA PRIMO E SECONDO LOTTO: BOLLATE CHIEDE SPIEGAZIONI

comunicato stampa

Un'attesa troppo lunga per un progetto di primaria importanza.


Dopo 5 mesi dall'espressione delle osservazioni sul progetto esecutivo relativo al primo e secondo lotto della Rho-Monza (il tratto che va da Paderno Dugnano al cavalcaferrovia di Novate Milanese), i Comuni non hanno ricevuto alcuna risposta dal Ministero dell'Ambiente, né dal Provveditorato alle Opere Pubbliche che dovrà istruire - prima o poi - la Conferenza di Servizi.

Come si ricorderà, il Consiglio comunale bollatese ha votato all'unanimità lo scorso ottobre una delibera in cui si esprimevano numerose perplessità sul progetto presentato da Serravalle tramite l'appaltatore GLF (Grandi Lavori Fincosit). In particolare, si chiedeva di valutare i costi per sottopassare la ferrovia, per eliminare l'uscita su via 4 Novembre e per il definitivo spostamento della complanare in posizione adiacente al tracciato principale, così da non compromettere l'area Ambito 12 e soprattutto l'abitato di via Cavallotti.

Nessuna risposta è arrivata finora, neanche in via ufficiosa. Al contrario, GLF sta continuando a progettare i dettagli del tracciato e chiede lo spostamento dei sottoservizi proponendo al Comune di Bollate mappe che ripetono il tracciato proposto nel progetto esecutivo, non tenendo conto delle richieste di cambiamento."A questo punto – spiega l'assessore alla Viabilità, Carlo Vaghi - vogliamo chiarezza, noi e gli altri Comuni coinvolti. Chiediamo che gli Enti preposti al controllo del progetto facciano la loro parte verso l'appaltatore. E chiediamo, per una questione di correttezza, che l'appaltatore non continui a progettare senza che siano prima date le risposte alle richieste del territorio. Dobbiamo forse credere che una grande società come GLF progetti 'a suo rischio e pericolo', laddove il pericolo è quello di dover cambiare il progetto per non aver aspettato la valutazione di impatto ambientale? Oppure ci manca qualche notizia che dovremmo conoscere? Vorremmo anche sapere a che titolo GLF invia lettere al nostro Comune 'su indicazione della Stazione Appaltante', in cui dà per imminente la Conferenza di Servizi. Non capiamo come questa possa essere imminente, visto che manca il decreto di Valutazione di Impatto Ambientale". La posizione espressa dall'Amministrazione bollatese non cambia dunque: si attendo risposte e velocemente. “Ancora una volta i Comuni hanno rispettato i tempi, stretti, di risposta dettati dal Governo e dalla Regione Lombardia su un'opera così importante – conclude l'assessore Vaghi - Ancora una volta però le risposte che noi abbiamo chiesto tardano ad arrivare. Se però la strategia è quella di farci accettare soluzioni preconfezionate per arrivare in tempo utile per l'Expo, ma penalizzanti per il territorio, allora la risposta di Bollate non potrà essere positiva".


 

comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto