Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Domenica, 25 Giugno 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


25/10/2012

IL PRIMO TASSELLO VERSO LA RICONQUISTA DI AREE CITTADINE STRATEGICHE

comunicato stampa

L’intesa tra il Comune di Bollate e i proprietari dell'ex Ceruti c’è: al via ora il Piano Attuativo che interesserà ben tre aree della città.


Nella mattinata di lunedì 22 ottobre, il Sindaco Stefania Lorusso e i titolari delle società Nuova Beretta srl e Immobiliare Iturec srl hanno siglato il Protocollo che permetterà di far partire l’iter urbanistico riguardante le trasformazioni dell’area di viale Lombardia (dove attualmente ha sede la ditta di rottamazione della Nuova Beretta), dell’area di via Pace (dove sorge la piattaforma ecologica) e dell’area di via Madonna in Campagna/Montessori (ex Ceruti), dove l'attività di smaltimento di materiale ferroso e non mal si accompagna alla vicinanza con la scuola primaria.

Il Piano Attuativo prevede che il gruppo Nuova Beretta-Iturec demolisca i siti produttivi attualmente esistenti su viale Lombardia e in via Madonna in Campagna-Montessori e realizzi un nuovo complesso produttivo in via Pace, dopo che la piattaforma ecologica comunale verrà trasferita ad Ospiate e dopo che gli stessi privati avranno provveduto alla dismissione dell’inceneritore.  L’area ex Ceruti (26mila metri quadrati di superficie) verrà mantenuta dal gruppo Nuova Beretta-Iturec e potrà quindi essere trasformata in un’area residenziale, commerciale (fino alla media distribuzione) e terziaria (in percentuali che saranno stabilite in sede di sottoscrizione della convenzione urbanistica), mentre l’area su viale Lombardia (18mila metri quadrati) verrà ceduta al Comune di Bollate e riportata alla sua naturalità paesaggistica, in quanto ricompresa all'interno del Parco delle Groane e perimetrata all'interno del Parco Urbano. “Tutto questo avverrà – spiega il Sindaco Stefania Lorusso – a seguito di capillari interventi di bonifica e di smaltimento dell’eternit su tutti e tre i siti. Ciò significherà che la città di Bollate potrà finalmente riappropriarsi di aree importanti del territorio, ove sarà garantita la totale messa in sicurezza”.

Con questo Piano Attuativo, il Comune di Bollate otterrà altresi' la messa in atto di opere pubbliche strategiche che, in altri modi, avrebbero avuto grandi difficoltà di copertura economica: la realizzazione di una nuova piazza in corrispondenza di via Madonna in Campagna, la messa a norma e la riqualificazione degli edifici scolastici (nonché la costruzione di nuovi plessi laddove dovessero essere previsti in sede di convenzione), la realizzazione di un collegamento ciclopedonale tra via Matteotti e via Caduti Bollatesi, la sistemazione delle infrastrutture a servizio delle tre aree, la realizzazione di una barriera fonoassorbente lungo il fronte prospiciente alla ferrovia.

Per l’Amministrazione Lorusso si tratta quindi, senza dubbio, di un’opportunità da cogliere e di un grande risultato, soprattutto se si considera che sono decenni che si ipotizzano un intervento di decentramento delle attività presenti nell'ex Ceruti e una conseguente riqualificazione dell'area stessa. “Per Bollate è un momento storico da ricordare – conclude l’assessore all’Urbanistica, Matteo Cormio – Con i proprietari delle due aree ci siamo impegnati ad attivare le procedure urbanistiche di questo Piano Attuativo entro giugno 2013: i tempi sono stretti, ma noi siamo fermamente intenzionati a lavorare all’obiettivo e abbiamo appurato la medesima motivazione da parte dei privati con cui abbiamo siglato l’intesa. Sono convinto che rispetteremo i tempi”.

 

comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto