Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Sabato, 24 Giugno 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


29/06/2012

BILANCIO 2012: SPESE CONTENUTE, RIDUZIONE DELL'INDEBITAMENTO E MANTENIMENTO DI SERVIZI DI QUALITÀ

comunicato stampa

E' stato approvato nella serata di mercoledì 27 giugno il Bilancio di Previsione 2012 del Comune di Bollate.


L'Amministrazione bollatese, come molte altre Amministrazioni locali, ha portato a termine un lavoro certosino per far quadrare i conti, considerando la riduzione dei trasferimenti statali e la necessità di mantenere la quantità e la qualità dei servizi rivolti al cittadino.

Partendo proprio dalla riduzione dei trasferimenti dalla Stato, rispetto al 2010 arriveranno 2,5 milioni di euro in meno. “Calcolando che, dei 30 milioni di spesa corrente di cui è composto il bilancio bollatese, 20 milioni sono di spese fisse (spese del personale, interessi, contratti, utenze, ecc..) e solo 10 milioni rimangono da investire in servizi e/o progetti e da utilizzare per i contributi, - spiega l'assessore alle Finanze, Virgilio Pellizzari - è chiaro che una minore entrata dallo Stato per 2,5 milioni di euro pesa in maniera determinante sul nostro bilancio, perché significa una capacità di spesa del 25% in meno rispetto al recente passato”.

Nell'elaborare il documento programmatico, l'Amministrazione comunale è dunque necessariamente partita dal risanamento di tutti i capitoli di spesa, puntando sull'ottimizzazione delle risorse e sul contenimento dei costi. Nell'elaborazione del documento programmatico, si è quindi cercato di eliminare le “uscite” non produttive, garantendo l'erogazione degli stessi servizi ad un livello qualitativo invariato e, ove possibile, anche migliore, in nome di un'attenzione particolare a come verranno spese le risorse disponibili. “La scelta di aumentare la pressione fiscale è stata molto difficile – commenta il Sindaco Stefania Lorusso – Abbiamo cercato di tutelare le fasce più deboli e di mantenere la qualità dei servizi rivolti a tutti e dei servizi che vanno incontro alle esigenze dei cittadini più bisognosi. Una seconda priorità è stata quella di proseguire la politica di non indebitamento avviata in questi due anni di amministrazione, così da contenere e ridurre ulteriormente il debito che il nostro Comune ha accumulato in passato, in nome di un senso di responsabilità amministrativa che, al termine del mandato, ci porterà a ridurre il debito del Comune di Bollate di 8-10 milioni di euro rispetto a quanto abbiamo ereditato dai nostri predecessori”. Ecco perché, in fase di investimenti, la Giunta Lorusso ha messo sul piatto della bilancia soltanto i soldi che ha a disposizione, senza accendere nuovi mutui, ma continuando a pagare mutui contratti da Amministrazioni passate.

Passando alle cifre, le aliquote IMU sono state così stabilite:
- 5,5 per mille per la prima casa (ovvero l'aliquota dell'ultima ICI)
- 8,5 per mille per i negozi e gli esercizi commerciali
- 2 per mille per i fabbricati rurali strumentali
- 9,5 per mille per le seconde case e le altre categorie
- 5,7 per mille per gli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica a proprietà indivisa (con 200 euro di detrazione come per la prima casa, ma senza la detrazione prevista per i figli, così come da disposizioni ministeriali)

Per quanto riguarda l'IRPEF, l'aliquota verrà alzata di 0,2 punti percentuali e passerà quindi al 6 per mille, con la conferma dell'esenzione dal pagamento per i redditi inferiori ai 10mila euro annui.

Una nota positiva arriva dalla TARSU: la tassa risulta inalterata rispetto all'anno scorso, ma non verrà più applicata la maggiorazione dell'addizionale sull'energia elettrica che veniva pagata in bolletta.


comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto