Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Venerdì, 28 Aprile 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


31/05/2012

LA LOTTA ALLA MOROSITÀ SCOLASTICA STA DANDO I SUOI FRUTTI

comunicato stampa

Incassatti più di 170mila euro dopo l'azione di recupero avviata dall'Amministrazione comunale.


“L’attività di contrasto al fenomeno della morosità scolastica che questa Amministrazione ha messo in campo è stata piuttosto faticosa, ma, ad oggi, ci possiamo dire soddisfatti dei risultati”. Così il Sindaco Stefania Lorusso commenta i dati resi noti dall’assessorato alla Pubblica Istruzione relativamente alla chiusura dell’azione avviata nell'ottobre del 2011 per recuperare i mancati introiti del Comune derivanti dall’impossibilità di riscuotere la totalità dei buoni pasto assegnati.

E sono i numeri a parlare chiaro: a fronte di un debito che, alla fine dell’anno scolastico 2010-2011, era pari a 220mila euro, al termine di quest’anno il mancato introito ammonterà a poco più di 46mila euro, pari a circa il 3%. 

L’azione avviata nel dopo-estate 2011 ha portato all’invio di solleciti da parte del Comune di Bollate attraverso sms e, successivamente, attraverso lettera raccomandata. 
In un secondo momento, nel mese di ottobre, a coloro che avevano ancora un debito uguale o superiore a 200euro (132 famiglie in tutto, per un totale di 112mila euro di debito), è stata inoltrata un’ingiunzione di pagamento, con scadenza per il saldo fissata al 31 dicembre 2011. A questa data, 43 famiglie avevano provveduto al pagamento della quota dovuta, mentre per 13 casi sono intervenuti gli assistenti sociali di riferimento: il mancato incasso del Comune era quindi sceso a poco meno di 70mila euro. “A questo punto – spiega l’assessore alla Pubblica Istruzione, Marinella Mastrosanti – gli uffici hanno contattato nuovamente i debitori e mi sono resa disponibile  ad incontrarli tutti personalmente per capire le specifiche situazione e per trovare il modo di agevolare i pagamenti. Dai  colloqui sono  emersi importanti elementi: alcuni cittadini non avevano ancora chiaro il pagamento a fasce ISEE e, non presentando la documentazione, si sono trovati a pagare la tariffa massima nonostante i bassi redditi. Costoro sono stati rinviati all'ufficio Pubblica Istruzione per avere maggiori  informazioni, mentre altre famiglie sono state invitate a  presentarsi all'ufficio Servizi Sociali per verificare la possibilità di accedere a benefici previsti per i cittadini che hanno un  basso reddito (bonus gas-bonus energia, assegni per famiglie numerose).  Al termine di questi colloqui, abbiamo concesso a 24 famiglie la rateizzazione dei pagamenti, assicurandoci altri 25mila euro di rientro”.

Conclusa la procedura, per  gli utenti ancora morosi  scatterà la segnalazione all’ufficio Tributi e, di conseguenza, verrà avviata una riscossione coattiva del debito. “Continueremo in quest'azione di contrasto alla morosità che già stiamo monitorando – continua l’assessore Mastrosanti – Da quest'anno applicheremo una sanzione amministrativa a coloro che, anche dopo il primo sollecito, non avranno pagato: per loro, ci sarà una raccomandata con avviso di pagamento maggiorata della sanzione. Inoltre, le famiglie che risulteranno avere un debito con il Comune, non potranno iscrivere  i figli  ai servizi educativi e parascolastici comunali e di Gaia Sus fino alla totale regolarizzazione. Mi rendo conto che si tratta di scelte delicate, ma occorrono risorse per garantire i servizi e serve che tutti paghino il dovuto, sia per avere risorse da ridistribuire, sia per sostenere coloro che hanno minori possibilità e, non ultimo, per educare a quel rispetto delle regole che tutti desideriamo”.

 

comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto