Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Sabato, 22 Luglio 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


02/05/2012

IL VIA LIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE ALLA RICHIESTA DI RISARCIMENTO DI 430MILA EURO PIÙ ONERI E INTERESSI

comunicato stampa

Il Comune di Bollate intenterà un'azione di responsabilità nei confronti dell'ex amministratore di Gaia Servizi srl.


Così ha deciso il parlamentino bollatese qualche giorno fa, approvando l'atto di indirizzo proposto dalla Giunta guidata dal Sindaco Stefania Lorusso, che si è trovata a fare i conti con una sentenza del Tribunale di Novara alquanto spiacevole.

La sentenza emessa qualche mese fa, infatti, ha condannato Gaia Servizi srl, l'azienda in house del Comune di Bollate, al pagamento di 430mila euro (oltre a oneri e interessi) all'ex Direttore Generale di Gaia Servizi srl (rimasto in carica per soli sei mesi, da gennaio a giugno 2009, con la precedente Amministrazione comunale). 

Forte di un contratto della durata di tre anni che gli riconosceva il pagamento di tutti e tre gli anni di lavoro anche qualora il contratto fosse stato risolto, l'ex Direttore ha preteso che fossero rispettati i termini dell'accordo e il Tribunale di Novara gli ha dato ragione. Così si legge sul contratto: “In caso di interruzione anticipata, anche per risoluzione … da parte del Collaboratore (il Direttore Generale, ndr), del presente contratto, il Collaboratore avrà diritto a ricevere per tutto il periodo residuo rispetto alla scadenza (…) la retribuzione annua lorda complessiva (…) comprensiva del premio per i risultati calcolato annualmente nella sua percentuale massima (50% della retribuzione, ndr)”.

A firmare quell'atto fu l'allora amministratore di Gaia, a cui adesso l'Amministrazione comunale chiederà un risarcimento
“Chiediamo che sia il Giudice – spiega l'Amministrazione comunale – a stabilire se l'ex amministratore abbia agito correttamente quando ha redatto un contratto contenente una clausola capestro come quella in oggetto, oppure se debba restituire al Comune di Bollate quei 430mila euro. Procedere legalmente nei suoi confronti è un atto dovuto, visto che si sta parlando dei soldi dei cittadini”. Insieme all'approvazione dell'azione di responsabilità nei confronti dell'ex amministratore di Gaia, il Consiglio comunale ha dato il via libera al relativo esposto alla Corte dei Conti, che dovrà accertare la presenza o meno di un danno erariale.



comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto