Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Martedì, 22 Agosto 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


AMBIENTE E TERRITORIO


18/10/2010

PARTE IL PIANO ANTISMOG REGIONALE

Il Sole 24 ore del 13.10.10 e Regione Lombardia

Stop ad auto inquinanti, camini e stufe a legna dal 15.10.10 al 15.04.11


Al via le misure per la “Prevenzione e riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell’ambiente”, secondo il testo coordinato della Legge Regionale n. 24/2006, pubblicato sul B.U.R.L. del 20 luglio 2010.  


BLOCCO VEICOLI INQUINANTI
Da venerdì 15 ottobre 2010, fino al 15 aprile 2011, stop ai veicoli inquinanti (benzina Euro 0 o Diesel Euro 0, Euro 1 ed Euro 2), dalle 7.30 alle 19.30 tutti i giorni (sabato e domenica esclusi).  Stop per tutta la giornata, invece, per i motocicli e ciclomotori a due tempi (sempre dal lunedì al venerdì). Sono escluse le giornate festive infrasettimanali.
Il blocco per i veicoli inquinanti si applica su tutti i tratti stradali ricadenti all'interno della Zona omogenea intorno a Milano (zona A1), comprese le strade provinciali e statali ad esclusione delle:
- autostrade,
- strade di interesse regionale R1,
- tratti di collegamento tra le autostrade e le strade R1 e gli svincoli delle stesse e i tratti di collegamento ai parcheggi posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi pubblici o delle stazioni ferroviarie.
La zona di applicazione del blocco diventerà, in questo modo, l’area a bassa emissione più estesa d’Europa.
Il fermo veicoli si applica anche ai territori dei Comuni non appartenenti alla Zona A1 che abbiano aderito alle misure regionali secondo il "Protocollo di collaborazione delle province lombarde" (DGR n. 9595 del 11/06/2009).  


CLICCA QUI per leggere il volantino esplicativo predisposto dalla Polizia Locale di Bollate


STOP A CAMINI E STUFE A LEGNA
Dal 15 ottobre 2010 al 15 aprile 2011,
su tutto il territorio lombardo sarà obbligatorio, anche per quest’anno, spegnere i camini e le stufe a legna che non garantiscono un rendimento superiore al 63% con basse emissioni, e se sono presenti altri sistemi di riscaldamento.   I limiti sono quelli previsti dalla delibera Regionale n. 7635 del luglio 2008, confermati poi con Delibera n. 9958 del 2009.
Il divieto riguarda stufe e camini che funzionano a biomassa (legno vergine o scarti di legno che non hanno subito alcun tipo di trattamento), presenti nei comuni appartenenti alla zona omogenea A1 (la stessa del divieto di circolazione per veicoli inquinanti), entro i 300 metri di altezza.
In previsione un censimento di tutte le stufe e camini esistenti sul territorio lombardo, con l’obiettivo di creare un catasto regionale degli impianti termici e una certificazione degli impianti di riscaldamento (come avviene per le caldaie a gas). 
Altra novità: a partire dal gennaio dell’anno prossimo sarà obbligatoria l’installazione, in tutte le case lombarde, di un “contacalore”, un apparecchio a forma di calorifero che servirà a regolare il consumo energetico domestico, stanza per stanza.   L’obiettivo, in questo caso, è quello di arrivare a sostituire le bollette con una tariffa a consumo.  


Per ulteriori informazioni:
www.regione.lombardia.it

 

 

Il Sole 24 ore del 13.10.10 e Regione Lombardia


 

File Allegati:

 
Apri il Documento Testo Coordinato B.U.R.L. 20/07/10 (162,48 KB)


Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto