Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Domenica, 28 Maggio 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


AMBIENTE E TERRITORIO


01/10/2010

L'ASL EMETTE UN'ORDINANZA CHE STABILISCE ALCUNE MISURE PRECAUZIONALI PER GLI ALLEVAMENTI DI CONIGLI

comunicato stampa

Il 27 settembre 2010 l’ASL ha emesso un’ordinanza contro la diffusione della “mixomatosi”, una malattia che colpisce conigli e lepri, dopo l’individuazione di un focolaio virale sul territorio di Garbagnate Milanese.


Con questa ordinanza – il cui ambito di applicazione (chiamato “Zona di Protezione”), si estende anche sul territorio bollatese per una piccola parte (come si può vedere nella planimetria allegata all’ordinanza) – vengono istituite alcune misure precauzionali, da tenersi soprattutto da parte di chi alleva e/o caccia conigli e lepri. 
Tra le misure da rispettare, ad esempio, il divieto di portare all’interno (o al di fuori) della zona di protezione, conigli morti o vivi, nonché lo svolgimento di mostre o mercati di conigli in tutto il territorio dei Comuni interessati.


CHE COS’ E’ LA MIXOMATOSI
La mixomatosi è una patologia che contagia i conigli selvatici ed i conigli domestici, ed in modo più raro le lepri. La trasmissione per contatto, può verificarsi solo in presenza di animali con sintomi conclamati (attraverso l'essudato e il pus).
In Italia, i principali vettori sono le zanzare Anopheles spp. e Aedes spp., e nelle zone più fredde o meno umide le pulci del coniglio europeo , che possono albergare il virus anche per diversi mesi. Non esistono reali cure, l'unica soluzione efficace è la vaccinazione preventiva.
La mixomatosi è una malattia a denuncia obbligatoria. La legge prevede che ogni coniglio infetto sia ucciso e distrutto, e che il caso sia riportato alle autorità sanitarie.

  E' altamente distruttiva e può provocare la morte di un numero elevato di animali per cui, in caso di focolaio di malattia, comporta l'adozione di severe misure di lotta: limitazione dei movimenti, distruzione degli animali infetti, disinfezioni, ecc.


Per maggiori dettagli, si invita alla lettura dell’ordinanza (CLICCA QUI). 
Per saperne di più sulla malattia e sulle misure precauzionali, CLICCA QUI 

 Per maggiori informazioni:
ASL MILANO 1 - N. VERDE: 800 671 671 -
www.aslmi1.mi.it

comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto