Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Lunedì, 16 Luglio 2018

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


BILANCIO TRIBUTI CATASTO DEMANIO


29/05/2018

SCADENZA DELLA PRIMA RATA DI IMU E TASI. CONFERMATE LE ALIQUOTE 2017

Al fine di agevolare i cittadini nel versamento delle imposte comunali, anche per quest'anno l’Amministrazione comunale ha preparato e inviato direttamente nelle case gli avvisi di pagamento, con modelli F24 allegati, per IMU e TASI 2018. L'Amministrazione ha confermato le aliquote dello scorso anno.


Ecco le modalità di pagamento:

Le scadenze di pagamento sono previste per il 18 giugno (prima rata) e per il 17 dicembre (seconda rata) 2018.
Le abitazioni principali sono esenti sia da IMU che da TASI, insieme alle pertinenze (è ammessa una pertinenza per ogni categoria catastale: box, tettoia, cantina).

Le aliquote IMU 2018 sono le seguenti:

1) 9,5 per mille per edifici con aliquota ordinaria (altri fabbricati, aree edificabili, terreni agricoli non posseduti da coltivatore diretto o imprenditore agricolo, capannoni artigianali o industriali);

2) 8,4 per mille per i negozi (cat C1);

3) 6,5 per mille per immobili in affitto a canone concordato. Secondo i patti territoriali tra i sindacati dei proprietari e gli inquilini, un ulteriore sconto del 25% su IMU e TASI è prevista per chi invia all'Ufficio tributi, entro il 31 dicembre 2018, copia dei contratti sottoscritti e registrati.

 

Nel 2018 si confermano le modalità dello scorso anno per gli immobili concessi in comodato gratuito tra genitori e figli (riduzione del 50% dell'aliquota ordinaria sia IMU che TASI) a patto che le condizioni contrattuali siano in regola. 

Le aliquote TASI 2018 sono le seguenti:

  1. altri fabbricati 1,1 per mille;

  2. aree edificabili 1,1 per mille;

  3. beni merce, ossia edifici costruiti e destinati alla vendita dall'impresa costruttrice, se non affittati, 0 per mille;

  4. negozi (cat. C1) 0 per mille;

  5. fabbricati rurali ad uso strumentale, 1 per mille.

 

Per gli immobili in affitto e utilizzati dagli affittuari come abitazione principale: il proprietario paga il 70% dell'imposta, mentre l'inquilino viene esentato per legge dal pagamento del 30% se è residente. 

I cittadini che non avessero ricevuto la comunicazione o che avessero necessità di assistenza, possono rivolgersi agli uffici comunali in orario di sportello.



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto