Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Martedì, 17 Ottobre 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


VIABILITA' E SICUREZZA


11/11/2010

LA POLIZIA LOCALE DI BOLLATE IN PRIMA LINEA NEL PROGETTO "SMART"

comunicato stampa

Nella notte di sabato 6 novembre 2010 l’attuazione dell’iniziativa su gran parte del territorio provinciale.


Nella notte di sabato 6 novembre 2010, l’hinterland milanese è stato oggetto di un’azione coordinata tra le polizie locali territoriali di 9 comuni che hanno aderito al progetto di sicurezza integrata “SMART”, promosso dalla Regione Lombardia, dove SMART sta per “Servizi di Monitoraggio Aree a Rischio del Territorio”.   Tale progetto ha ricevuto il sostegno anche dell’arma dei Carabinieri e della Questura di Milano. 

L’obiettivo del progetto e dell’azione coordinata è quello di migliorare le condizioni di sicurezza urbana ed aumentare la percezione di sicurezza avvertita dai cittadini, coinvolgendo direttamente i comandi di Polizia Locale. 

Due i comuni capofila del servizio “SMART”: Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo, a cui hanno fatto capo gli altri comuni coinvolti.  Il Comune di Bollate rientrava nell’ambito del Comune di Sesto S. Giovanni (insieme a Bresso, Cormano, Cusano Milanino e Novate Milanese).

Il 6 novembre 2010, alle ore 19.00, tutte le forze coinvolte nell’iniziativa (Polizie Locali, Polizia di Stato, Carabinieri e funzionari della Polizia Provinciale), si sono dati un simbolico appuntamento a Paderno Dugnano dove l’Assessore Regionale alla Sicurezza, Romano La Russa, ha passato in rassegna tutto il personale e ha dato inizio all’attività.
Lo spiegamento di forze sul territorio interessato è stato ingente: 127 uomini delle Polizie Locali, 15 della Polizia di Stato e 9 carabinieri.  A Bollate, oltre alla Polizia Locale e ai Carabinieri, c’è stato anche il coinvolgimento nell’operazione da parte della Polizia Provinciale.
 

L’operazione di controllo e sicurezza urbana è durata dalle ore 19 di sabato 6 novembre, fino alle ore 2 di domenica 7 e ha visto l’intervento di tutto il personale sul proprio territorio di competenza.  

Il Comune di Bollate ha aderito entusiasticamente a quest’operazione, con 2 pattuglie della Polizia Locale (e 7 uomini in toto), supportate da 1 pattuglia della Tenenza dei Carabinieri di Bollate, dedicatasi specificatamente alle operazioni di accertamento delle identità e foto-segnalamento di eventuali stranieri extracomunitari (o anche comunitari), sprovvisti di documenti.  

La Polizia Locale di Bollate ha svolto attività perlopiù di Polizia Stradale e di deterrenza nei confronti dei soggetti che si dedicano alla prostituzione, il tutto sulla Statale Varesina.  Nella sua attività di Polizia Stradale ha ricevuto un supporto tecnologico e operativo da parte della Polizia Locale di Arese che ha fornito la disponibilità di un secondo etilometro – oltre a quello già in dotazione alla Polizia Locale di Bollate – e due dispositivi pre-test etilometrici per verificare la guida in stato di ebbrezza.  

La Polizia Locale di Bollate ha altresì ricevuto il supporto di una pattuglia della Polizia Provinciale, che ha svolto la propria attività sia sul territorio bollatese (con funzioni di Polizia stradale e di controllo del rispetto del Codice della Strada), che su quello di Cinisello Balsamo (dove è stata chiamata per sequestrare un’attività abusiva). 


Questi gli esiti dell’operazione  (durata ininterrottamente dalle 20 alle 2 del mattino),  sul territorio di Bollate:
POLIZIA LOCALE DI BOLLATE: sono stati controllati 85 veicoli e sono state comminate 32 sanzioni per: mancanza di documenti di guida, errato comportamento dei conducenti (non utilizzo delle cinture di sicurezza, velocità pericolosa, guida in stato di ebbrezza), dispositivi inefficienti. 
In particolare, sono state ritirate 4 patenti di guida (2 per guida in stato di ebbrezza e 2 per patente scaduta) e 2 carte di circolazione (1 per omessa revisione e 1 per mancanza di copertura assicurativa).    In questi casi (guida in stato di ebbrezza e ritiro carta di circolazione per omessa revisione), è stato attuato il blocco o il sequestro dell’autoveicolo.

E’importante sottolineare l’attività di prevenzione e repressione della guida in stato di ebbrezza, realizzata dalla Polizia Locale di Bollate, che ha effettuato 16 alcool-test, trovando ben 2 persone positive all’etilometro (oltre che al pre-test). 

POLIZIA PROVINCIALE : ha effettuato 6 alcool-test, di cui 1 positivo. 

 
CARABINIERI DI BOLLATE: hanno effettuato un accompagnamento alla Compagnia di Rho, con relativo foto-segnalamento, di una prostituta sprovvista di documenti  

Come si può vedere dai dati sopra elencati, la Polizia Locale di Bollate si è distinta nell’operazione SMART.   Basti pensare, infatti, che gli 85 controlli effettuati in totale sui veicoli e le relative 32 sanzioni comminate, hanno rappresentato il 15% delle attività totali di tutto il progetto SMART complessivo.   

Un lavoro encomiabile, quello realizzato sul territorio di Bollate, così come encomiabile è l’operazione realizzata e condotta su un così vasto territorio, nell’ottica di un sempre maggiore controllo del territorio e per una maggiore sicurezza dei cittadini.  

Un’iniziativa che la Regione conta di ripresentare.

 


comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto