Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Sabato, 23 Settembre 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


CULTURA, SPORT E TEMPO LIBERO


27/04/2016

50 DONNE "COMUNI" SI METTONO IN GIOCO PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO

Dopo L'esposizione a Genova, a Novate Milanese, a Sesto San Giovanni e in attesa di altre date nazionali, la mostra fotografica "Da quanto non lo fai?" approda a Bollate. Si terrà venerdì 29 alle 20.30 nella biblioteca di Bollate la presentazione di questa bella e importante esposizione che punta sull'importanza della prevenzione del tumore al seno: La mostra è visitabile venerdì 29 e sabato 30 aprile.


Il titolo è volutamente a doppio senso e ha lo scopo di attirare l'attenzione su un tema molto importante, l'esame di prevenzione del tumore al seno». La mostra consiste infatti in 50 scatti fotografici che immortalano per scelta, donne comuni, passate o meno dal tumore al seno, dai 18 ai 70 anni. Un'installazione di fotografie in bianco e nero, che rappresenta le figure femminili che possiamo conoscere, incontrare ogni giorno per strada, su un autobus, la nostra vicina di casa. Volutamente non modelle, ma donne che nella loro quotidiana bellezza e con imperfezioni, vogliono lanciare il messaggio dell'importanza della prevenzione. Con la prevenzione si può combattere questo brutto male. E a dirlo sono direttamente loro nel catalogo della mostra, che oltre le fotografie, contiene il singolo messaggio, appello, di ogni donna. 

Alla presentazione della mostra, sarà presente anche l'onorevole Eleonora Cimbro, donna bollatese che ha deciso di partecipare attivamente facendosi fotografare: "Ho partecipato a questa bellissima campagna di sensibilizzazione - commenta la Cimbro - perché credo fermamente che la prevenzione, nella lotta contro il tumore al seno, possa davvero salvare la vita. E' necessario che i controlli siano regolari ed è necessario entrare nei programmi specifici di prevenzione, qualora il grado di familiarità risulti elevato. Il tempo rubato per uno scatto - come in questo caso - è il tempo che si impiega per una visita dal senologo, un'ecografia alla mammella, o una mammografia. Allo scatto fotografico, dunque, facciamo corrispondere uno "scatto" telefonico ai centri di prevenzione o ai nostri ospedali di fiducia: lo "scatto" di un esame mirato, salva la vita!". 

"Abbiamo voluto realizzare un evento importante e concreto a favore delle donne – spiega Davide Falco dell'associazione Mondodisabile, promotrice dell'evento - per prevenire uno dei loro più grandi nemici: il tumore al seno. Sia giovani che più mature sono sempre di più «vittime» di questo brutto male che colpisce, oltre al seno, la sensibilità, la dignità e l'autostima di una donna. Da qui l'idea di creare un gruppo di donne di diverse età che lanciasse un appello forte, sottolineando che il problema esiste e che la prevenzione è spesso efficace. La sorpresa è stata poi quella di avere incontrato tra le protagoniste della mostra, donne che hanno brillantemente affrontato e superato la malattia, riprendendo la vita con una marcia in più». 

La mostra è stata realizzata da Mondodisabile in collaborazione con Lilt, che metterà a disposizione una giornata di visite senologiche gratuite, e con il patrocinio del Comune di Bollate.

Ingresso gratuito
Biblioteca Centrale, piazza C.A. dalla Chiesa, 30. 
Orari Venerdì 29 aprile, 20.30-22 e sabato 30, 10-12:30 e 15-18. 

Per informazioni: 335.5756150



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto