Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Mercoledì, 28 Giugno 2017

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


SERVIZI AL CITTADINO


02/07/2013

“SI CRESCE INSIEME” - SI È CONCLUSO IL PERCORSO EDUCATIVO PER GENITORI DI BIMBI DA ZERO A TRE ANNI

comunicato stampa

Sabato 8 giugno 2013,  con la visita alle mamme detenute della sezione ICAM del carcere S. Vittore, si è concluso il percorso educativo “Si cresce insieme”, riservato a genitori di bimbi dai 0 ai 3 anni. 


La sezione ICAM del carcere S. Vittore è l'unico Istituto di Custodia Attenuata in Italia dove le  mamme carcerate possono vivere con i propri bambini fino ai tre anni di età. All'ICAM non si respira aria di carcere: non ci sono sbarre, c'è un giardino, una sala giochi, gli agenti sono in borghese e i piccoli possono vivere insieme con le loro mamme in stanze ben attrezzate, con cucina, camera da letto, dove le giornate passano secondo i ritmi quotidiani della vita di tutti i giorni, come in una normale famiglia che vive all'esterno del carcere. 

L'incontro tra le mamme bollatesi che hanno partecipato al percorso educativo “Insieme si cresce” e le mamme detenute dell'ICAM è stato molto emozionante: 5 mamme detenute della sezione ICAM, insieme alla responsabile educativa dell'ICAM, dott.sa Marianna Grimaldi e ai propri bambini, hanno accolto calorosamente l'Assessore alla Pubblica Istruzione, Interventi Educativi e Pari Opportunità, Marinella Mastrosanti, le educatrici dei nidi comunali e alcune mamme interessate a vivere questo “interscambio” di esperienze.
Tra le mamme si è subito innescato un rapporto di complicità e le detenute hanno risposto alle mille domande delle ospiti, che hanno spaziato dall'organizzazione delle giornate a come vengono gestiti i conflitti madre-figlio, ecc.

L'organizzazione di una giornata-tipo all'ICAM è “quasi” simile a quella di una qualsiasi mamma del mondo. Infatti, dopo la sveglia alle 7 del mattino, le mamme detenute si preoccupano di preparare i propri figli per andare all'asilo, quindi, una volta che gli educatori sono passati a prenderli per accompagnarli all'esterno, si dedicheranno alla pulizia e sistemazione della propria stanza e quindi ai vari compiti a loro affidati in turnazione : cucinano, lavano, stirano e preparano l'elenco delle cose da acquistare per la dispensa comune.
Il resto della giornata lo dedicano ad alcune attività educative che permettono loro di “uscire” dalla dimensione carceraria e di intraprendere il cammino della “rieducazione”. Le mamme detenute seguono dei corsi di pasticceria e svolgono attività di catering a disposizione di clienti esterni. Inoltre, le educatrici dell'ICAM  hanno insegnato loro a dipingere, partecipando a stage di pittura e di illustrazione di storie. Grazie a questi percorsi educativi, le mamme dell'ICAM, così, hanno imparato che le loro mani potevano servire anche a fare cose utili, non solo a rubare.
Di sera, al sabato e alla domenica, le mamme possono giocare coi loro bambini  nella stanza dei giochi, aperta a tutte le ore, colorata ed accogliente, come tutte le stanze delle “residenti”.
Un'oasi, l'ICAM, che, però, naturalmente, ha le proprie regole da rispettare. Infatti,  pur essendo una realtà felice rispetto a tutte le altre realtà carcerarie, l'ICAM resta pur sempre una struttura che ospita delle detenute che devono scontare una pena e che, quindi, devono sottostare ad alcune prescrizioni.  Una regola particolarmente dolorosa per le mamme detenute è quella che le allontana dai propri bimbi al compimento dei tre anni di età. Dopo i tre anni, infatti, i bambini vengono o trasferiti alle famiglie di appartenenza, oppure (e questa è la situazione più diffusa), dati in affido. Le mamme, invece, in base alla pena, verranno trasferite in un altro carcere. 

La giornata all'ICAM ha rappresentato un momento importante di condivisione di esperienze tra due modalità, purtroppo, differenti di vivere la maternità e ha idealmente concluso, in maniera simbolica, il percorso educativo di “crescita” per genitori di bambini da zero a tre anni. 

Un percorso, quello di “Insieme si cresce”, che ha permesso ai genitori bollatesi con figli a zero a tre anni, di riflettere e “crescere insieme”.

 

 

comunicato stampa



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto