Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Lunedì, 16 Luglio 2018

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


29/06/2018

TORNA IL FESTIVAL DI VILLA ARCONATI - FAR. DALL'1 AL 23 LUGLIO 2018

Al via la trentesima edizione del Festival di Villa Arconati-FAR che, per l’occasione, torna alle sue dimensioni più logiche offrendo spazi e palco degni dell’anniversario. Si torna infatti con una platea in grado di contenere circa 2.000 posti, per un calendario che offre qualità, energia e cura nella scelta di artisti e musiche. Si comincia mercoledì 27 con l'anteprima.

 


Ecco il programma

Domenica 1 luglio – Bollate, Cantun Sciatin
MARIO PANZERI E LA SUA EPOCA
Un omaggio in jazz

Grande anteprima gratuita in centro a Bollate, dove il grande paroliere della canzone italiana ha vissuto per quasi 30 anni. Entrato nella storia della musica leggera come uno degli autori di Grazie dei fiori, vincitrice del primo Festival di Sanremo, Panzeri ha scritto alcune tra le più note canzoni italiane, come Maramao perché sei morto?, Pippo non lo sa, Papaveri e papere, Casetta in Canadà, Lettera a Pinocchio, Nessuno mi può giudicare, Fin che la barca va e molte altre.
Musiche eseguite dalla Monday Orchestra, diretta da Luca Missiti. Ospite solista: Paolo Tomelleri.
Una produzione originale di Bollate Jazz Meeting per la 30° edizione del Festival di Villa Arconati. Da un'idea di Paolo Nizzola e Giordano Minora. 

Giovedì 5 luglio
GRAHAM NASH
An Intimate Evening of Songs and Stories

Graham Nash può vantare una carriera straordinaria - cantautore, compositore e anche fotografo - da sempre voce a sostegno sensibile ai temi di giustizia sociale, antimilitarismo e urgenza ambientale, basti ricordare gli indimenticabili live di No Nukes, contro l’utilizzo dell’energia nucleare. Nei suoi oltre settantacinque anni di vita, Graham Nash ha collezionato successi e canzoni passate alla storia, veri e propri manifesti generazionali divenuti talvolta colonna sonora dell’ultimo mezzo secolo. Prima con gli Hollies, poi con Crosby, Stills e Neil Young, vanta anche collaborazioni con gli A-ha e David Gilmour. Nel 2016 pubblica infine This Path Tonight, ultima fatica discografica solista dove emerge il suo amore per le melodie e ballad di stampo tipicamente pop, senza rinunciare a un carattere sperimentale più orientato verso il jazz o l’elettronica.

Venerdì 6 luglio
SILENT DISCO
La grande festa silenziosa nei giardini

Un'occasione inedita di sperimentare la forza emozionale che nasce dal connubio tra il silenzio di un luogo carico di storie che hanno attraversato i secoli e la musica che ciascuno sceglierà come propria colonna sonora da ascoltare in cuffia. Una dimensione intima e personale, susseguirsi di movimenti sottili, che si fonde con la condivisione di un'esperienza collettiva immersa nei giardini e negli ambienti della Villa... in cui il silenzio si fa dialogo.
Durante la serata, su palchi allestiti in aree suggestive del giardino, si esibiranno artisti esponenti di diverse tradizioni musicali e culturali. Nuove proposte artistiche, linguaggi musicali innovativi, repertori che rielaborano i propri background e proiettano il Festival verso nuovi percorsi sonori e artistici.

Mercoledì 11 luglio
NOA & BAND
Love Medicine

Nata in Israele da genitori yemeniti, Noa trascorre l'infanzia negli Stati Uniti.  A 17 anni decide di conoscere per la prima volta il Paese dov’era nata, così viaggia in Israele dove conosce un giovane laureando in medicina, l'attuale marito, per amore del quale decide di trasferirsi definitivamente a Tel Aviv, anche se il prezzo da pagare sarà l’assolvimento dei due anni di leva, obbligatoria in Israele. Sotto le armi Noa comincia a cantare in pubblico e in seguito decide di iscriversi alla “Rimon School” fondata dal chitarrista Gil Dor per perfezionare le sue conoscenze di pianoforte e chitarra. Sarà proprio Gil Dor a notare le sue straordinarie capacità vocali per poi introdurla a Pat Matheny. Può vantare un tour con Sting e collaborazioni con artisti del calibro di Joan Manuel Serrat, Santana, Stewie Wonder, Joan Baez, Johnny Clegg, Khaled. Dal suo primo concerto in Italia del 1992, sarà da sempre legata al nostro Paese.

Per ogni biglietto acquistato per il concerto di Noa sarà devoluto € 1 ad Emergency per il Programma Afghanistan – Centro medico chirurgico di Anabah.

Lunedì 16 luglio
CHICK COREA AKOUSTIC BAND
con John Patitucci & Dave Weckl

Chick Corea: icona musicale, tastierista e compositore, pionieristico e innovatore pianista della scena jazz, con il suo primo Piano Improvisation (1971) definì i canoni di un nuovo genere del piano jazz suonato in solo, e la cui influenza è tuttora viva più che mai. Instancabile spirito creativo, energico e abile sperimentatore d’avanguardia, unisce con facilità bebop, fusion jazz-rock, motivetti per bambini e opere cameristiche e sinfoniche. Nominato leggenda dal DownBeat Hall Of Fame e considerato un maestro del suo genere dalla NEA Jazz Master, nonché quarto artista con più nomination ai Grammy Awards e 22 vittorie. Con la Chick Corea Akoustic Band, Chick riunisce così John Patitucci (basso) e Dave Weckl (batteria), suoi più cari compagni di lunga data. Una formazione che riesce a riportare in versione acustica i voli lirici già sperimentati nella Chick’s Electrik Band.

Mercoledì 18 luglio                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  
GOGOL BORDELLO

Gogol Bordello è un'originale e stravagante band - capitanata dall’eccentrico e talentuoso musicista e attore Eugene Hütz - che unisce sonorità gipsy all’energia punk, cabaret e dub, una carovana di energia e buonumore composta da violini, tamburi e chitarre distorte, una vera garanzia di divertimento. Un mix unico, e inconfondibile, un marchio di fabbrica riconoscibile e inimitabile. I meriti della band non si fermano ai soli ed incredibili live che collezionano sold out in tutto il mondo, ma si basano anche sui sette album in studio pubblicati sinora, sempre grandi successi di pubblico e critica. Tra i loro fan anche la super pop-star Madonna e il compositore balcanico Goran Bregovic. Nell’agosto 2017 esce il loro ultimo album Seekers and Finders pubblicato per Cooking Vinyl. 

Venerdì 20 luglio
BAUSTELLE
L'amore e la violenza vol.2

Baustelle è un gruppo nato a Montepulciano nel 1996. Alcuni demo aprono la strada all’esordio discografico con Sussidiario illustrato della giovinezza (2000), prodotto artisticamente da Amerigo Verardi, eroe di culto del rock/pop nazionale già dagli anni ‘80. Il lavoro incuriosisce pubblico e addetti ai lavori per la personalità messa in luce nell’amalgamare la miglior canzone d’autore italiana e francese, la new wave, l’elettronica vintage, la bossa nova, le colonne sonore degli anni ‘60 e ‘70. Seguono album di successo e singoli suggestivi che segnano una generazione come Un romantico a Milano o Charlie Fa Surf”. Nel 2017 pubblicano L'amore e la violenza, settimo disco di inediti, certificato Disco D’Oro, anticipato dal singolo Amanda Lear. Al fortunato tour, quasi interamente sold-out, segue l'uscita nel 2018 di un nuovo album di inediti L’amore e la violenza vol.2. Dodici nuovi pezzi facili.

Lunedì 23 luglio
MELODY GARDOT

Cinque milioni di dischi venduti in tutto il mondo. Una straordinaria voce, una rarissima combinazione di talento naturale, sofisticatezza, forza e grazia musicale. La jazz singer Melody Gardot riesce ad ipnotizzare il suo pubblico: un dono che la cantante americana regala al mondo della musica. Nel 2003 un incidente stradale la rende ipersensibile a luce e suoni e la musica diviene per lei una via di fuga, un mezzo per guarirsi e migliorarsi. In seguito è diventata un'attiva sostenitrice dell'uso della musica come terapia del dolore, partecipando a incontri presso università e ospedali. Diviene un’icona musicale già dal primo album Worrisome Heart (2006). Da sempre riconoscente ai suoi fan, Melody Gardot dice a proposito del suo nuovo album live: “Ho sognato di fare un album con pezzi registrati dal vivo da molti anni, qualcosa che potrei dedicare alle persone come te che mi hanno accolto in giro per il mondo […] Sarò sempre riconoscente.”

Inizio concerti ore 21; 
Silent Disco ore 21.30 

Infoline 800 474747 – www.festivalarconati.it  

PREVENDITE:
mailticket
ticketone
vivaticket
ticketmaster


 

File Allegati:

 
Apri il Documento Programma completo (211,11 KB)
Apri il Documento Comunicato stampa di presentazione del Festival 2018 (303,38 KB)


Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto