Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

 

Venerdì, 22 Giugno 2018

 

HOME
Alto contrasto - Disabilita CSS
Caratteri normali - Caratteri grandi


NOTIZIE DALL'AMMINISTRAZIONE


22/05/2018

QUELL'ESPLOSIONE, CENT'ANNI FA. UN CALENDARIO DI INIZIATIVE PER NON DIMENTICARE

Il 7 giugno del 1918 una devastante esplosione ha scosso la fabbrica di munizioni Sutter & Thévenot, a Castellazzo di Bollate. Per commemorare il centenario, l'Amministrazione comunale ha organizzato una serie di iniziative e attività per far conoscere l’importante episodio storico. Dal 26 maggio.


Spettacoli, visite guidate, mostra fotografica, musica, attività per famiglie e incontri, per ricordare le cinquantanove vittime, quasi tutte giovani operaie addette alla produzione e gli oltre trecento feriti. Oltre venti appuntamenti da vivere tra il Borgo del Castellazzo, il Parco delle Groane, la storica Villa Arconati - FAR ma anche il centro di Bollate con il Municipio, le Corti e il palazzo della Biblioteca.

Ecco il programma:
1918 – 2018 - Quell’esplosione, cent’anni fa.  

Il 7 giugno cent’anni dopo, sarà soprattutto il giorno del ricordo
. 

A partire dalle 19.00, l’appuntamento collettivo con Parole, immagini e musiche per non dimenticare, si terrà a Castellazzo di Bollate, a partire dall'area dell'ex fabbrica Sutter & Thévenot. In apertura, l’inaugurazione di un murales della giovane artista Ale Senso. Realizzato sull’unico elemento architettonico di allora tuttora esistente, una cabina elettrica, l’opera ripropone l’immagine di una giovane donna, e di un foglio bianco che tiene nelle mani. Bianco perché mai scritto, come il racconto di vita delle giovani vittime dell’esplosione. 
Alle 20.30 ci si ritrova tutti nel cuore del Borgo di Castellazzo per il reading teatrale con Lella Costa e il racconto della tragedia con Cinzia Poli di Caterpillar AM – RAI Radio2. E poi il Concerto dei Barabàn, con musiche e canzoni con brani dedicati al lavoro, alle donne, alla Grande Guerra.

I luoghi e i personaggi – gli appuntamenti dal 26 maggio al 10 giugno 2018 

Tra i personaggi che il progetto Quell’esplosione, cent’anni fa ripropone ci sono anche Luca Comerio ed Ernest Hemingway, protagonisti della mostra La Fabbrica Dimenticata. Immagini e parole che accoglierà il pubblico dal 5 al 21 giugno nella Biblioteca di Bollate. Comerio, incomparabile maestro di fotografia, vissuto a Milano a cavallo tra Ottocento e Novecento – presta le sue immagini storiche della fabbrica dimenticata. Così come corrono sul filo della memoria i ricordi di Hemingway, giovanissimo e non ancora famoso, che accorso sul luogo del disastro per contribuire ai soccorsi, non si libererà più da quell’esperienza e la racconterà vent’anni dopo nel volume “I quarantanove racconti”. 

Nell’ottica di promuovere il valore del territorio, ecco gli appuntamenti naturalistici. ma anche sociali e culturali, della vita di corte tipica della Lombardia rurale: 

Giornata ecologica di pulizia del Parco delle Groane -
26 maggio, ore 9-13 - vecchia stazione di Castellazzo, area dello scoppio 
Lungo strade ombreggiate da pioppi – 3 giugno, ore 18 - spettacolo teatrale ispirato alle parole di Hemingway, immerso nel Borgo di Castellazzo. A cura di nudoecrudo teatro
Conferenza storica “Cento anni dalla fine della Grande Guerra: le vittime della fabbrica dimenticata di Bollate” – 4 giugno, ore 20.45 – Bollate, Palazzo Seccoborella Biblioteca Comunale 
Apertura eccezionale dell'Archivio Comunale di Bollate per visionare alcuni documenti dell'epoca dedicati alla tragedia – 9 giugno, dalle 9.30 alle 12.30 – Palazzo Comunale (su prenotazione) 
Al parco, una notte d’estate fra lucciole e stelle - 8 giugno, ore 21 - Passeggiata nell’Oasi WWF del Caloggio al Laghetto Ninfee 
Musica in Corte – 9 giugno, ore 17.45 - Corte Vicolo dei Ronchi a Bollate 
Cena Conviviale di tutti i colori – 9 giugno, ore 20 - Cantun Sciatin a Bollate – una cena dedicata alla pace in risposta alle atrocità delle guerre
Un giorno al Borgo di Castellazzo –10 giugno, dalle 10 alle 19 - antichi giochi e mestieri, cavalli in corte, concerto di campane, cori, visite guidate e percorsi in bicicletta. Possibilità di picnic

Il 10 giugno si chiuderà idealmente la celebrazione

Fabbricare il futuro con la memoria del passato, un dialogo tra Stefano Bruno Galli, Assessore all’Autonomia e alla Cultura Regione Lombardia, Philippe Daverio, critico e storico dell’arte e Arnoldo Mosca Mondadori di Fondazione Cariplo. Villa Arconati ore 11. (Ingresso con prenotazione). A cura della Fondazione Augusto Rancilio, dalle 12 fino a sera accesso alle sale e visite guidate. 

Il calendario completo sul sito del Comune e su immaginiememoria.it, pagina Facebook
@quellesplosionecentannifa 

Per saperne di più:
La storia della fabbrica dimenticata di Bollate, può essere riproposta oggi alla memoria collettiva grazie a un casuale e importante ritrovamento fatto nel 2010 da Padre Egidio Zoia. Parroco della chiesa di San Guglielmo al Castellazzo, padre Zoia, impegnato nella ricerca di documenti storici, scopre un grande stendardo commemorativo che fa riferimento al funerale delle vittime di un’esplosione avvenuta il 7 giugno del 1918 in una delle più grandi fabbriche italiane di armi, la Sutter & Thévenot nell’area di Castellazzo di Bollate, 100 ettari e 1300 addetti. 

Lo scoppio è tuttora considerato fra le più gravi tragedie sul lavoro della storia industriale italiana. Grave anche per il pesante tributo pagato dal lavoro femminile: nell’esplosione, infatti, perdono la vita 59 persone di cui 52 giovani operaie e si registra un imprecisato numero di feriti – si parla di almeno 300 persone – molti dei quali avviati al Policlinico di Milano per gli interventi e le cure necessarie. Ed è proprio l’Archivio Storico dell’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano che tuttora custodisce gli storici registri di accettazione dei feriti, documenti dettagliati ed esaustivi che forniscono una testimonianza storica importante.

 

 



Stampa la pagina Stampa la pagina
« Torna indietro

Qui Bollate - Direttore Responsabile Francesco Vassallo - Registrazione del Tribunale di Milano n. 480 del 20/07/1996 - P.I. 00801220153



Torna in alto